Cocktail

La testa gira

e smette di pensare

e col suon

di un dolce violino nelle orecchie

un punto

lontano dell’universo

al di là

di un vetro

accoglie

il tuo dolce animo

fatto di emozioni

che messe a soqquadro

così taciturne

così buie

raccolgono lacrime salate

scendendo sul viso pallido

mentre sguardi

di curiosa gente

sui tuoi occhi rossi

decifrano un velo

di ebrezza serale.

Vorrei dire loro

‘Non è niente di simile

è solo l’infinito

in occhi lontani

e sorella tristezza

accanto al cuore’.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...